TOP 10: I vulcani più pericolosi del mondo

Se vi piace stare al caldo e correre rischi, allora abbiamo esattamente quello che vi serve! Naturalmente, non tutti i vulcani pericolosi sono ottime destinazioni per le vacanze. Ma alcuni di loro valgono la pena di essere visitati, e anche di salire in cima.

Ma prima di affrontare coraggiosamente i vulcani più pericolosi del mondo, prendete delle precauzioni. Un gigante addormentato può svegliarsi improvvisamente dopo secoli di inattività.

I danni possono essere disastrosi, sia a livello locale che globale. Sapevate che un’eruzione vulcanica potrebbe causare uno tsunami, un cambiamento climatico globale o anche un’estinzione di massa della popolazione?

Per scoprire tutti i luoghi più caldi del pianeta, ecco i 10 vulcani più pericolosi del mondo! Scoprirete dove si trova il più incredibile super vulcano, e potrebbe presto svegliarsi …

#10 – Merapi, Indonesia

Merapi, Indonesia

Situato sull’isola di Giava, nel cuore dell’Oceano Indiano, Merapi è un vulcano molto attivo che culmina a quasi 3000 metri sul livello del mare. Le sue eruzioni sono esplosive, il che significa che possono causare lo scoppio della cupola di lava in una nuvola piroclastica di cenere, massi e gas, a volte mortali.

Il 26 ottobre 2010, una di queste eruzioni ha ucciso più di 350 persone e causato diversi milioni di dollari di danni. Il rischio maggiore associato al vulcano Merapi è la sua ubicazione: la densità di popolazione è di 1.400 abitanti/km2 sulle pendici del vulcano più esposto alle nubi piroclastiche!

Dal 1587, venti eruzioni del vulcano Merapi hanno causato vittime. L’eruzione più grande mai registrata è avvenuta nel 1930 e ha causato la morte di almeno 1.300 persone. Nei primi giorni del 2020, Merapi ha ricominciato a sputare cenere vulcanica, costringendo i residenti locali a indossare maschere antigas per proteggersi dai fumi tossici.

#9 – Vesuvio, Italia

Vesuvio, Italia

Pompei, è lui! Tristemente famoso per la devastante eruzione che ha causato la distruzione di quattro città romane nell’anno 79, il Vesuvio ha dominato il Golfo di Napoli per almeno 25.000 anni.

Ma fu solo nel XVIII secolo che i siti di Ercolano e Pompei furono casualmente riscoperti, sepolti sotto diversi metri di cenere e roccia vulcanica, in perfetto stato di conservazione. Purtroppo, 3.000 vittime sono da deplorare su questi siti. In totale, secondo le stime, 16.000 persone hanno perso la vita in questa catastrofica eruzione.

Il Vesuvio è stato attivo per l’ultima volta nel marzo 1944. Mentre la seconda guerra mondiale infuriava sul continente europeo, 26 persone hanno perso la vita nell’eruzione, e diverse decine di bombardieri americani sono stati distrutti dalle piogge di cenere.

Oggi il cratere del Vesuvio è bloccato. Ma rimane sotto costante sorveglianza, perché una scossa sismica troppo forte potrebbe risvegliarla e mettere in pericolo i milioni di persone che vivono nella regione.

#8 – The Taal, Filippine

The Taal, Filippine

Il Taal non è il vulcano più alto del mondo, ma è forse il più insolito! Infatti, la sua immensa caldera ospita un lago, nel cuore del quale l’isola di “Vulcano Island” ha la sua caldera, occupata da un lago più piccolo e, infine, un picco roccioso!

Situata a poche decine di chilometri dalla città di Manila, le sue eruzioni possono essere devastanti. Questo avvenne nel 1911, quando 1335 persone persero la vita. L’ultima eruzione mortale ha ucciso 200 persone nel settembre 1965. Il 12 gennaio 2020, il Taal è esploso di nuovo, cacciando migliaia di persone dalle loro case.

Forse la più grande minaccia rappresentata dal vulcano Taal è lo tsunami. Un’eruzione potrebbe far crollare il vulcano su se stesso. Questa frana causerebbe la formazione di un’onda gigantesca e si schianterebbe sul terreno circostante!

#7 – Popocatepetl, Messico

Popocatepetl, Messico

Culminante a quasi 5500 metri di altitudine e su una superficie di 500 km², Popocatepetl è un gigante attivo. A Nahuatl, il suo nome significa “montagna fumante” e gli fu dato dai popoli precolombiani della regione molto tempo fa.

L’eruzione più forte mai registrata si è verificata dal marzo 1996 al novembre 2003! Nelle prime settimane dell’eruzione, cinque alpinisti hanno perso la vita in un’esplosione sulla cima del vulcano. Per più di sette anni, nubi infuocate sono state rilasciate nell’atmosfera, colate di lava e cenere fangosa hanno causato l’evacuazione della popolazione e molti danni.

Il 9 gennaio 2020, un’enorme colonna eruttiva si erge, proiettando cenere e gas vulcanici a 8.000 metri di altitudine. La sua intensa attività fa di Popocatepetl uno dei vulcani più pericolosi del mondo.

#6 – Etna, Sicilia

Etna, Sicilia

Tra i pericolosi vulcani del pianeta, il famoso gigante italiano è uno dei più attivi al mondo! Affacciato sulla Sicilia a più di 3.000 metri di altezza, l’Etna è anche il vulcano più alto d’Europa.

Molti avventurieri hanno scalato la fornace siciliana, tra cui uomini come Alexandre Dumas e Guy de Maupassant, che hanno scritto la loro ascesa in opere d’arte memorabili.

Anche se è molto attivo, l’Etna non è il vulcano più mortale del pianeta. Infatti, la maggior parte delle sue eruzioni sono effusive, il che significa che il magma si trasforma in colate di lava fluida, senza un’esplosione improvvisa.

Ma la regione del vulcano è densamente popolata, il che rappresenta un notevole pericolo in caso di una massiccia eruzione.

#5 – Galeras, Colombia

Galeras, Colombia

Questo vulcano della cordigliera delle Ande, vecchio di un milione di anni, è in attività permanente. Le sue frequenti eruzioni esplosive emettono enormi nubi piroclastiche, colate di lava e di fango, ed esplosioni dovute al contatto della lava ardente con il ghiaccio sulla sua sommità. Va detto che il volcanoGaleras culmina a 4276 metri di altitudine, niente di meno!

Nel gennaio 1993, una potente eruzione ha causato la morte di sei scienziati e tre turisti. Le ultime due eruzioni delle Galeras sono avvenute nel 2010, e fortunatamente non ci sono state vittime.

L’incessante attività del vulcano Galeras rappresenta un pericolo reale per la popolazione. Infatti, gli 8000 abitanti che vivono sulle pendici del vulcano devono essere evacuati durante ogni allarme sismico!

#4 – Nyiragongo, Repubblica Democratica del Congo

Nyiragongo nella Repubblica Democratica del Congo

Situato nella Great Rift Valley, Nyiragongo è probabilmente il vulcano più pericoloso dell’Africa! È meglio evitare di tentare la sua ascensione, poiché è circondata da fenomeni chiamati “mazukus”, queste sacche di gas vulcanici che possono essere trappole mortali sia per gli animali che per l’uomo.

In passato, le eruzioni di Nyiragongo erano di tipo esplosivo. Ma nel 1927 il vulcano si risvegliò emettendo lunghe e fluide colate di lava. Questa eruzione durerà cinquant’anni. Durante questo lungo periodo di attività si forma un lago di lava in cima al vulcano, all’interno del cratere.

Da allora, ogni volta che Nyiragongo erutta, questo lago di lava si riversa lungo le pareti del vulcano, minacciando la vita di due milioni di persone.

#3 – Pinatubo, Filippine

Pinatubo nelle Filippine

Formatosi oltre un milione di anni fa, Pinatubo era considerato estinto fino al 1991. Per più di 500 anni non ha mostrato alcun segno di attività e una fitta foresta l’ha completamente coperta, abitata da diverse migliaia di indigeni.

Quando all’improvviso, dopo qualche scossa di avvertimento, il gigante si è svegliato. L’eruzione più catastrofica del XX secolo è durata due mesi e ha causato direttamente la morte di 300 persone. Il numero di morti sarebbe stato molto più alto se le autorità non avessero evacuato la zona così rapidamente.

Ma la massiccia eruzione del Pinatubo ha avuto un impatto anche sul clima globale, in quanto i milioni di tonnellate di gas tossici e cenere lanciati nell’atmosfera hanno abbassato la temperatura globale di circa 0,5°C!

#2 – Nevado del Ruiz, Colombia

Nevado del Ruiz, Colombia

Al centro della Cordigliera delle Ande si trova il Nevado del Ruiz, un mostro fumante a 5321 metri di altitudine. Composta da cinque cupole di lava, la sua sommità è coperta da ghiacciai che si ritirano costantemente, probabilmente a causa del cambiamento climatico.

Il Nevado del Ruiz è più di un pericoloso vulcano, è uno dei più letali nella storia dell’umanità. Nel 1985, dopo due mesi di attività, un flusso vulcanico chiamato “lahar” ha sommerso la città di Armero, che non era stata evacuata. 24.000 persone hanno perso la vita e la città è stata cancellata dalle mappe.

Le eruzioni nel Nevado del Ruiz possono essere catastrofiche a causa dei ghiacciai che ne ricoprono la sommità. In effetti, i ghiacciai possono essere destabilizzati e persino sciogliersi improvvisamente, causando esplosioni freatico-magmatiche, così come flussi più ampi.

#1 – Il super vulcano di Yellowstone negli Stati Uniti d’America

Il super vulcano di Yellowstone negli Stati Uniti d'America

Shh, sta dormendo! Questo super vulcano dormiente è in realtà un’enorme caldera, probabilmente il risultato della sua ultima mega-rottura. E per una buona ragione, le eruzioni del super vulcano non sono semplici disastri localizzati, sono eventi di tipo apocalittico!

Se Yellowstone si sveglia oggi, potrebbe causare un’estinzione di massa sul pianeta. Questa idea sembra venire direttamente dalla fantascienza, e molti film ne sono stati ispirati, ma bisogna sapere che questo scenario è purtroppo abbastanza probabile.

Scoperta appena 60 anni fa, la caldera di Yellowstone è sotto il costante controllo di esperti. In effetti, ha la più grande camera di magma del mondo. Inoltre, la sua attività sismica e idrotermale non si ferma mai.

Secondo i calcoli dei geologi, Yellowstone erutta circa ogni 600.000 anni. Purtroppo per noi, l’ultima grande eruzione è stata 630.000 anni fa… Dovete ammettere che questo è motivo di preoccupazione!


CopyTrader